lunedì 11 gennaio 2016

LA CROMOTERAPIA

Medicina alternativa che utilizza i colori per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale
equilibrio. Il termine cromoterapia deriva dal graco e significa "cura con il colore".
Si tratta di una tecnica terapeutica basata sulla convinzione che i colori siano in grado di influenzare gli esseri umani a livello fisico, oltre che emotivo.
A seconda dei disturbi su cui intervenire, si utilizzano esposizioni di luce dei diversi colori, della durata di 30-40 minuti per seduta. Il paziente viene irradiato su tutto il corpo, o soltanto su una parte di esso, con il colore specifico richiesto dal suo disturbo.
Oltre all'esposizione alla luce colorata, si possono ottenere risultati cromoterapici in altri modi: applicando vetri colorati alle finestre, usando occhiali con lenti opportunamente colorate, scegliendo capi di vestiario di colore adatto, dipingendo le pareti della stanza in cui ci si trova o altri oggetti di uso comune, somministrando al paziente acqua precedentemente esposta al sole attraverso appositi filtri colorati.
Alcuni sostengono addirittura che ingerendo alimenti diversamente colorati si possa influenzare certi processi metabolici, alleviando determinati stati patologici.

Effetti dei principali colori
La cromoterapia utilizza i sette colori fondamentali, ossia rosso, arancio, verde, giallo, blu, indaco e violetto. Il rosso e il blu sono di gran lunga i colori più importanti.
Qui di seguito vengono elencati i singoli colori e le relative proprietà terapeutiche ad essi associate:

Rosso
Colore dell'energia vitale, favorisce l'eccitazione sessuale. Agisce sul cuore aumentando il numero dei battiti e quindi la pressione sanguigna; influisce sulla vitalità e tende ad innalzare la temperatura corporea.
Si usa contro: stati depressivi, anemia, impotenza e frigidità, debolezza fisica, ipotensione, disturbi da raffreddamento (tosse, mal di gola, raffreddore, bronchiti).
Indossare un vestito rosso può contribuire a migliorare l'umore, quando ci si sente un po' depressi.

Blu
E' il colore della calma, della sensibilità e della profondità interiore. L'esposizione alla luce di colore blu ha un effetto calmante ed è utile in caso d'insonnia, stress, irritabilità, nervosismo.
Il blu stimola il sistema parasimpatico diminuendo la pressione arteriosa, il ritmo del respiro e la frequenza cardiaca; inoltre possiede proprietà antisettiche, astringenti e anestetizzanti.

Giallo
Colore che esprime movimento in espansione, corrisponde quindi alla ricerca del nuovo, del cambiamento. Stimola il sistema nervoso, conferendo allegria, senso di benessere ed estroversione; favorisce l'attenzione e l'apprendimento, aiuta la digestione, contrasta l'anoressia e l'inappetenza.

Verde
Colore che ha sensibili proprietà riequilibranti. Rilassa, favorisce la calma e la riflessione. Può essere usato per combattere il mal di testa e la febbre.

Arancione
Colore che induce serenità, entusiasmo e allegria. Ha una forte azione stimolante sulla ghiandola tiroide.

Violetto
Colore dotato di molte proprietà terapeutiche. Stimola la produzione di globuli bianchi, l'attività della milza, combatte i disturbi della vescica.

Indaco
Colore che rappresenta l'energia "fredda". Stimola l'olfatto, la vista, l'udito; tonifica i muscoli e favorisce la depurazione del sangue.



Cenni storici

La cromoterapia ha origini antichissime, poiché le medicine tradizionali hanno sempre attribuito grande importanza all'influenza dei colori sulla salute e sullo stato d'animo dell'uomo. Gli Egiziani credevano, ad esempio, che il blu, il giallo e il rosso fossero energie capaci di influenzare rispettivamente la mente, il fisico e lo spirito dell'uomo; in India, la medicina ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzano l'equilibrio dei chakra, i centri di energia sottile che vengono associati alle principali ghiandole del corpo; i Cinesi utilizzavano alcune tinte per ristabilire l'equilibrio fisico compromesso: il giallo per curare l'intestino, il violetto contro gli attacchi epilettici.
E' del 1877 il primo trattato occidentale sull'impiego dei colori a scopi terapeutici, da parte di S. Pancourt. L'anno successivo è la volta di E. D. Bollit con una breve monografia che descrive il diverso effetto dei colori in terapia.
Negli ultimi anni la cromoterapia ha avuto un notevole sviluppo grazie a numerosi studi scientifici che evidenziano l'influenza dei colori sul sistema nervoso, su quello immunitario e sul metabolismo.


CONDIVISO DA http://danzandonelvento.blogspot.it/search/label/Cromoterapia

Nessun commento:

Posta un commento

CORSO DI SAGGEZZA N ̊ 25 di Monique Mathieu

CORSO DI SAGGEZZA Corso N ̊ 25 «Voi vi ponete spesso la seguente domanda: quale comportamento avere rispetto a certe situazioni? ...