sabato 2 gennaio 2016

"Signore, che il tuo Santo Nome sia benedetto nei secoli dei secoli!" Omraam Mikhael Aivanhov

"Ogni pensiero, ogni sentimento tocca nello spazio delle regioni e degli esseri che gli corrispondono.
È così che si spiegano le nostre gioie e le nostre sofferenze.
Colui che si lascia andare ad una vita animale e grossolana, entra, senza volerlo, in relazione con le entità delle regioni inferiori, oscure, malsane, che cominciano a tormentarlo.
Per uscire da tali regioni deve introdurre in sé altre vibrazioni: attraverso la preghiera, la meditazione o altre attività spirituali come il canto, la musica, ecc., egli ha la possibilità di unirsi a quelle entità luminose che gli apporteranno solo benedizioni.
Tale legame con il mondo divino deve diventare la vostra principale preoccupazione.
Ecco perché, durante il corso della giornata pensate a ripetere spesso la formula:

"Signore, che il tuo Santo Nome sia benedetto nei secoli dei secoli!"

e le vostre inquietudini, i vostri tormenti spariranno."

Omraam Mikhael Aivanhov

Nessun commento:

Posta un commento

PERCHE' LA VITA E' COSI' PIENA DI PROVE?

<Perché la vita è così piena di prove?> Attraverso le prove noi impariamo le lezioni della vita. Le prove non sono fatte per di...