sabato 2 gennaio 2016

"Signore, che il tuo Santo Nome sia benedetto nei secoli dei secoli!" Omraam Mikhael Aivanhov

"Ogni pensiero, ogni sentimento tocca nello spazio delle regioni e degli esseri che gli corrispondono.
È così che si spiegano le nostre gioie e le nostre sofferenze.
Colui che si lascia andare ad una vita animale e grossolana, entra, senza volerlo, in relazione con le entità delle regioni inferiori, oscure, malsane, che cominciano a tormentarlo.
Per uscire da tali regioni deve introdurre in sé altre vibrazioni: attraverso la preghiera, la meditazione o altre attività spirituali come il canto, la musica, ecc., egli ha la possibilità di unirsi a quelle entità luminose che gli apporteranno solo benedizioni.
Tale legame con il mondo divino deve diventare la vostra principale preoccupazione.
Ecco perché, durante il corso della giornata pensate a ripetere spesso la formula:

"Signore, che il tuo Santo Nome sia benedetto nei secoli dei secoli!"

e le vostre inquietudini, i vostri tormenti spariranno."

Omraam Mikhael Aivanhov

Nessun commento:

Posta un commento

LA PREGHIERA DELLA LUCE............

La Preghiera della Luce LASCIO CHE IO SIA LA LUCE PERCHE’ IO SONO LUCE LASCIO CHE IO SIA LA PACE PERCHE’ IO SONO PACE MI ALLINEO ALLA GRANDE...