giovedì 2 aprile 2015

GIOVEDI' SANTO LA LAVANDA DEI PIEDI

Giovedì Santo La lavanda dei piedi Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: "Sapete ciò che vi ho fatto? voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perchè lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. ...sapendo queste cose sarete beati se le metterete in pratica. ....chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato". Le vere parole dell'Ultima cena "Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove; e io preparo per voi un regno, come il Padre l'ha preparato per me, perchè possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno e siederete in trono a giudicare le dodici tribù di Israele. Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi, poichè vi dico che non la mangerò più, finchè essa non si compia nel regno di Dio. E preso un calice, rese grazie e disse "prendetelo e distribuitelo tra voi, poichè vi dico da questo momento non berrò più del frutto della vite, finchè non venga il regno di Dio. Poi preso un pane, rese grazie, lo spezzò lo diede loro dicendo questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me. Allo stesso modo dopo aver cenato, prese il calice dicendo questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che viene versato per voi”. "Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri. "Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Io vado a prepararvi un posto, quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perchè siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado, voi conoscete la Via." Io sono la Via, la Verità e la Vita. In verità, in verità vi dico io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perchè rimanga con voi per sempre. Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto,lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perchè porti più frutto. Amen Il termine Pasqua, in greco e in latino “pascha”, proviene dall'aramaico: pasha, che corrisponde all'ebraico pesah, il cui senso generico è “passare oltre”.

Nessun commento:

Posta un commento

CORSO DI SAGGEZZA N ̊ 25 di Monique Mathieu

CORSO DI SAGGEZZA Corso N ̊ 25 «Voi vi ponete spesso la seguente domanda: quale comportamento avere rispetto a certe situazioni? ...