mercoledì 4 novembre 2015

ALL'ANGELO DELLA NOTTE

All’Angelo della notte



Amico, figlio della Luce, Potenza sulle tenebre, Messaggero di Dio, meraviglioso vigile di noi, povere creature del Signore, a Te è stato affidato un compito molto importante: quello del viaggiatore solitario per fermare tutti gli ostacoli che, nella notte, pian piano s’avanzano per disturbare la quiete dell’uomo e per fermare quei demoni che s’aggirano come leoni ruggenti, e si nascondono negli angoli delle vie.

Sii benedetto, Angelo della notte. Prima di coricarmi già penso alla Tua maestosa presenza che mi visita e mi copre perché non prenda freddo. Come una mamma, affaticato per il molto lavoro che incontri momento per momento, Tu hai sempre per me e per ogni figlio di Dio una parola di luce che è un consiglio uscito dalla mente dell’Altissimo Iddio.

Quanto sei bello, Angelo della notte! Le Tue mani affusolate mi parlano della finezza del Tuo spirito e della raffinatezza del Tuo Essere. I Tuoi capelli svolazzanti mi dicono che Tu sei proprio Colui che sei stato chiamato dal Signore a volare, volare da un letto all’altro, da una casa all’altra, da un viottolo all’altro e le Tue ali pieghevoli e graziose mi ricordano i Tuoi lunghi viaggi durante i quali Ti ho incontrato stanco, spossato, seduto su un sasso nella densità della notte fonda, pensieroso e quasi mesto per quel che hai veduto e sentito.

Quale coraggio Tu hai! Quel coraggio che hai è il coraggio di Dio che Ti lancia nell’immensità della Sua creazione.

E quando Tu sali sulla montagna, talvolta con i Tuoi piedi di spirito impastati, mi fai pensare al grande lavoro che hai e che non Ti tiri mai indietro. Obbedisci al Tuo Creatore, mentre io, povera anima, talvolta mi ribello perché mi sembra di far troppa fatica a ripetere sempre il “sì” dell' Amore.

Accanto al mare Tu osservi le sue onde e pensi al lor fattore, il Tuo Signore e mio Signore. E cammini su quelle acque, mentre nei miei sonni tranquilli Ti seguo, placida e desiderosa di afferrarTi per darTi sulla fronte un grosso bacio d’amore.

Se osservo i Tuoi occhi quando mediti sul genere umano, mi vien voglia di alzarmi e mettermi in ginocchio a pregare con Te, perché i cuori degli uomini abbiano sete del Padre eterno.

Angelo della notte, amico mio, Ti voglio bene. Ti raccomando di vegliar presso la povera anima mia e quella di tutti coloro che non si ricordano di ringraziar Gesù, fratello nostro, e di pregarLo perché a ciascuno conceda su questa terra la Sua comunione d’Amore.

Angelo della notte, salutami il Signore, e diGli che Lo amo davvero, anche se sono sempre debole, povera, incapace, peccatrice. Così sia.


CONDIVISO DA http://www.sehaisetediluce.it/angelo_notte.htm

Nessun commento:

Posta un commento

IO NON HO NESSUN INSEGNAMENTO OSHO

“Io non ho nessun insegnamento. Non sono un insegnante. Non dò nessuna filosofia di vita, né alcuna disciplina, né programmi da seguire.  ...