domenica 19 ottobre 2014

I CRISTALLI DEL SECONDO RAGGIO DELL'ARCANGELO JOPHIEL



I CRISTALLI DEL SECONDO RAGGIO. 


I principali cristalli in risonanza col secondo raggio sono:


TOPAZIO DORATO O IMPERIALE


Il Topazio dorato, detto anche Topazio imperiale, è uno splendente Topazio di grande energia e potere. Pietra potente usata dai reali.

Rende trasparente come il cristallo il terzo chakra perché è una pietra altamente spirituale.
Insegna a fidarsi di se stessi o dell'universo per manifestare ciò che è buono e gioioso.
Il Topazio dorato aiuta chiarificare e rivelare il vero scopo delle proprie manifestazioni.

Il Topazio lavora sul corpo fisico, ma molto di più su quelli mentale e spirituale.

Stimola la funzionalità del fegato e della vescica biliare; rafforza la milza, gli organi digestivi, il sistema nervoso. Disintossica il corpo. Favorisce la rigenerazione dei tessuti. Aiuta ad eliminare le paure, scioglie le tensioni emotive, vince l'insonnia ed acquieta la mente. 
Potenzia l'energia vitale e l'attività mentale; armonizza i rapporti con gli altri, riduce l'emotività e la tendenza alla rabbia. 

E' collegato al plesso solare. 

Caldo, provoca senso di risveglio e di ispirazione. Dà abbondanza. 
Per il suo colore era pietra considerata propizia alla contemplazione, simbolo di fermezza e costanza anche nelle avversità. Dirige il raggio dorato della corona nel corpo fisico, per manifestare la volontà consapevole. Mette il potere personale al servizio del divino.

E' una delle pietre che presentano stirature parallele nel senso della lunghezza: 
queste pietre, più di qualsiasi altra formazione cristallina, trasmettono energia ad alta frequenza sul piano materiale ed all'interno del corpo per attivare i chakra e rafforzare i sistemi fisici al fine della trasformazione spirituale.

Scioglie le tensioni emotive, vince la rabbia, la gelosia, l'apprensione. Queste emozioni negative possono essere controllate applicando il topazio sul plesso solare, rilassandosi e ponendo attenzione sul respiro, senza modificarlo. La "forma nervosa" scomparirà e ci accosteremo al cibo con maggiore presenza, per gustarlo e non solo per ingoiarlo. Avvicina a Dio e porta molta luce sul campo aurico creando protezione.



QUARZO CITRINO

Migliora la circolazione linfatica, aiuta la funzionalità renale nel suo lavoro di drenaggio, impedendo la "cristallizzazione" definita calcolosi e conseguentemente migliora la struttura epiteliale. Facilita l'assimilazione delle vitamine A, C ed E, unitamente allo zinco ed al selenio, fondamentali per una pelle ben idratata, giovane ed elastica. Sollecita il metabolismo favorendo nel contempo l'attività del fegato, della cistifellea, del colon, del cuore e degli organi digestivi, perché combatte i crampi allo stomaco.

Giova al diabete perché equilibra la produzione d'insulina del pancreas. Esalta l'energia terapeutica del corpo. 

Disintossica i corpi fisici, emozionali, mentali. Attenua le tendenze autodistruttive. Aumenta la stima di sé. Potente allineatore con il Sé spirituale. Dà contentezza e gioia, eliminando malinconia e depressione. 

Uno degli intenti del quarzo citrino è evidenziare la forza di luce dorata in campo materiale. A livello psichico pare agevolare la liberazione dalle "idee fisse", veri e propri condizionamenti causati dall'educazione ricevuta, sociale e professionale, favorendo la liberazione dagli schemi. Favorisce la capacità di scelta, l'intuizione, il discernimento, la chiarezza d'idee; aiuta a trovare la strada giusta per la propria evoluzione. 

Consigliato alle persone indecise, più inclini alla riflessione che all'azione.

La sua energia è simile a quella del sole: emana calore e conforto, è penetrante, conferisce energia e dà la vita. 
Il chakra dell'ombelico rappresenta il centro principale per l'estrinsecazione fisica.
Il pieno controllo di questo centro, uno dei centri di energia più potenti, metterà alla prova il carattere e l'integrità dell'individuo. Solo quando il centro riferito all'ombelico viene regolato dal chakra della corona, la sua energia può essere incanalata opportunamente e senza timore di diventare prigionieri di piaceri effimeri. 

Uno dei colori del 7° chakra è l'oro. Questo raggio dorato risalta tra i colori del citrino, che possono essere usati per incanalare tale pura energia della corona entro l'ombelico, in modo che possa essere usata per propositi consapevoli e fini creativi. La trasmissione del raggio dorato dentro il corpo servirà per proteggere e indirizzare l'uso di questa potente energia creativa nel corso della propria vita. 

A tale scopo occorre collocare un quarzo citrino sfaccettato con qualità di pietra preziosa sull'ombelico, mentre un quarzo citrino generatore di un limpido giallo oro verrà tenuto sulla corona; si visualizzi un raggio di luce dorata che congiunge l'ombelico alla corona.

Il quarzo citrino appoggiato sul 3° chakra trasforma l'individuo in un magnete, permettendogli di attrarre la luce per rafforzare la sua aura e tutto quanto gli serve per la sua realizzazione materiale.
In pratica, l'energia che irradia aiuta a trasformare in senso cognitivo le impressioni e le percezioni e a renderle operanti nella vita corrente. 

Il quarzo citrino serve per l'assimilazione psichica e l'assorbimento: la sua energia è di ausilio nel corso degli eventi che si verificano nell'esistenza di una persona, colloca tali eventi nel giusto ordine, ed aiuta ad eliminare ciò che va rifiutato. In pratica aiuta a “digerire e assimilare le esperienze”.
E' la pietra migliore da usare quando si cerca di venire a capo di questioni riguardanti l'esistenza terrena come problemi di affari, di educazione, di rapporti interpersonali o familiari.

Il quarzo citrino è la pietra che meglio simboleggia il terzo chakra, perché emette una luce dorata simile a quella del sole. È una pietra yang, maschile. Lavora sia sul corpo fisico che sui corpi sottili.

La sua limpidezza si riflette anche sulla mente, portando chiarezza.

Lavora sulla volontà, rafforzandola ma senza cadere nell’ego. Aiuta a sciogliere i blocchi del terzo chakra, e porta anche più “ sole “ nella vita, sotto forma di gioia di vivere.

Entrando in risonanza con l’energia di questa pietra, ci viene ricordato che siamo amati e sostenuti dall’universo nelle nostre manifestazioni. Lavorare col Quarzo citrino ci consente di portare nel mondo i nostri obiettivi e di avere la determinazione necessaria per portare avanti i nostri scopi.


AMBRA 

L’ambra è una resina coagulata e pietrificata proveniente dalle conifere “Pinus succinifera”, che crescevano nel nord Europa più di quarantacinque milioni di anni fa (nell’ Eocene). E' stata trovata anche nella Repubblica Domenicana, ed ha una durezza compresa da 2 a 2,5.
E' stata usata nella gioielleria sin dai tempi della preistoria. Le popolazioni antiche la consideravano pari all’oro e all’argento e la chiamavano l’Oro del nord. Ha anche una lunga tradizione nell'uso della medicina popolare.

Si comporta come una spugna assorbendo le energie disarmoniche, il dolore e il troppo fuoco.
Ottima quindi nelle infiammazioni, nelle scottature e per alleviare dolori muscolari, artrite, artrosi e mal di schiena.

Disintossica anche a livelli energetico ed emozionale. Calma la rabbia e il sistema nervoso. Viene spesso consigliata ai bambini durante la dentizione, perché disinfiamma e attenua il dolore. Seda i dolori reumatici e i bruciori di stomaco. 

E’ anti pitta ed è utile per chi non ha il coraggio di utilizzare il proprio potere personale, perché, avendo molta rabbia, teme di “fare danni”.

La capacità dell’Ambra di abbassare il fuoco, permette che la luce interiore splenda, trasformando l’energia della rabbia in energia di Luce.

Altri importanti cristalli che sono in sintonia col Secondo Raggio sono il Quarzo Rutilato e l’Occhio di Tigre.


http://www.cittadiluce.net/sette-raggi-t4921.html

Nessun commento:

Posta un commento

IO NON HO NESSUN INSEGNAMENTO OSHO

“Io non ho nessun insegnamento. Non sono un insegnante. Non dò nessuna filosofia di vita, né alcuna disciplina, né programmi da seguire.  ...