martedì 15 settembre 2015

OCCHI APRIRLI E CHIUDERLI UN ESERCIZIO Omraam Mikhael Aivanhov



Occhi - aprirli e chiuderli. Un esercizio "Di tanto in tanto fermatevi, chiudete gli occhi, entrate in voi stessi e cercate di ritrovare il centro divino che è la sorgente pura della vita. Quando li aprirete di nuovo, vi sentirete rasserenati. Aprire e chiudere gli occhi… Non si potrebbero nemmeno contare le volte che al giorno si fanno questi movimenti, ma li si fa inconsciamente, e per tale ragione non se ne trae alcun beneficio. Eccovi allora un esercizio che vi sarà molto benefico se imparerete a farlo mettendoci la vostra coscienza. Chiudete gli occhi lentamente e teneteli chiusi per un po'. Poi apriteli di nuovo, lentamente, e studiate i cambiamenti che avvengono in voi… A poco a poco riuscirete a capire come questa alternanza di apertura e chiusura degli occhi abbia la sua corrispondenza nella vita psichica: aprire gli occhi significa andare verso il mondo esteriore, l’animazione, l’azione; chiuderli significa ritornare al centro del vostro essere, che è pace e silenzio. Quando sarete riusciti a raggiungere questo centro in voi, sentirete affluire correnti che vi porteranno l’equilibrio, l’armonia e la luce."



Omraam Mikhael Aivanhov

5 commenti:

  1. Prezioso, é un mio quotidiano esercizio prima della meditazione astrale. Mondi da immergersi ai fini per un percorso olistico e benefico ai fini psicofisici. Diffondiamo....

    RispondiElimina
  2. Prezioso, é un mio quotidiano esercizio prima della meditazione astrale. Mondi da immergersi ai fini per un percorso olistico e benefico ai fini psicofisici. Diffondiamo....

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Sono anche gli insegnamenti di Paramahansa Yogananda. Due ENORMI maestri!:-) Amo.

    RispondiElimina

QUELLO CHE GLI ALTRI PENSANO DI TE RIFLETTE SU CIO' CHE SONO LORO.....NON CHI SEI TU.....

Quello che gli altri pensano di te riflette ciò che sono loro, non chi sei tu I Sioux avevano un proverbio molto interessante: “prima di giu...